Loading ...

Loading splash screen ...
Galleria
TECHNET
Pentium FDIV BUG
Pentium FIST BUG (Dan-0411) Intel Flag Erratum
CPU Identification
Motherboard Identification
Motherboard Identification: BIOS chip swapping
Applicazioni pratiche del BIOS chip swapping
Motherboard Identification: layout
CPU Speed e Clock Multiplier
BIOS Update
AWARD BIOS inside - CPU microcode
AMI BIOS inside - CPU microcode
Power-On Self-Test: PC Diagnostic Card
Socket 3 CPU voltage detection
Socket 3 clock multiplier detection (AMD Am5x86-P75 4x clock mode)
Turbo-Deturbo motherboard check
Socket 7 FSB / clock multiplier detection
AWARD BootBlock BIOS Recovery
Riprogrammazione BIOS: BIOS chip hot swapping
Compaq Deskpro 2000 BIOS F10: Computer SETUP/V and PC Diagnostics
Olivetti PCS 386 SX: disassemblaggio
Desktop Management Interface (DMI) e Custom MIFD
PC Windows 98: da standard Hard Disk a SSD Compact Flash
 
TECHNET: 22
Fire and Ice
Fire and Ice
Graftgold 1993
Motherboard Identification: BIOS chip swapping
Quando il boot non avviene e non sono presenti le informazioni serigrafate sul PCB l'identificazione di una motherboard può avvenire attraverso il BIOS chip swapping: il chip del BIOS viene rimosso dalla motherboard non identificata e installato su una simile per provare il boot. Se la scheda si avvia è possibile cercare di identificare la motherboard originale tramite le informazioni fornite dalla BIOS String ID
Per poter configurare correttamente una motherboard è necessario identificarla con precisione. Il processo può presentare notevoli difficoltà quando il boot non avviene e non sono presenti (o sono incomplete) informazioni serigrafate sul PCB relative a costruttore, modello e jumper settings. Questo è vero soprattutto per le schede più vecchie spesso prodotte da fornitori generici (OEM Original Equipment Manufacturer) e distribuite con marchi diversi dalle varie aziende.
Loop tecnico
Assumendo che la motherboard sia funzionante (quindi il BIOS non è corrotto, non ci sono tracce interrotte o condensatori rovinati o altri problemi hardware) e che la CPU installata sia corretta per il tipo di scheda, il boot può fallire essenzialmente per errori di configurazione: basta un jumper mancante o un errore di settings ad esempio sull'alimentazione o sul moltiplicatore per bloccare l'avvio. La causa è difficilmente individuabile anche utilizzando una PC Diagnostic Card in quanto non vengono generati codici POST. La BIOS String ID, la stringa alfanumerica che si legge in basso sulla schermata di boot (e che dipende dal tipo di BIOS), contiene indicazioni sul chipset, sul costruttore, sulla versione del BIOS, ecc. L'identificazione della motherboard attraverso l'analisi della BIOS String ID presuppone che la motherboard sia in grado di eseguire il boot e qui si genera un loop tecnico: per l'avvio è necessaria una configurazione funzionante ma se la scheda non è identificata la configurazione è sconosciuta quindi il boot non può avvenire.
Euristica
Il metodo euristico consiste nel provare diverse configurazioni di jumper per cercare di ottenere quella che provoca il boot. L'utilizzo della PC Diagnostic Card è fondamentale: la generazione dei codici POST indica che il boot può avvenire. Il metodo prevede anche il ripristino di eventuali jumper mancanti: non esistono regole, si possono fare delle deduzioni osservando le posizioni degli elementi sulla motherboard (ad esempio gruppi di jumper possono indicare un clock multiplier), red jumper di solito indicano le configurazioni del voltaggio, ecc. Ovviamente il processo, essendo una sperimentazione, ha intrinsecamente una certa percentuale di rischio che siamo disposti ad accettare ma che potrebbe danneggiare irreversibilmente la motherboard.
Layout e geometria degli elementi
La motherboard viene identificata tramite l'osservazione diretta e il confronto con i layout disponibili su Total Hardware 1999 (Link): un incredibile lavoro di classificazione di oltre 18.000 devices svolto intorno alla seconda metà degli anni 90 probabilmente in ambiente universitario. In particolare la scheda può essere caratterizzata in base ai suoi elementi come: tipo di Socket, numero di slot RAM, tipo di BIOS o chipset, presenza del VRM o della VGA integrata o degli slot Riser o COASt, ecc. Poichè il confronto con i layout può essere oneroso, su questo sito, il modulo Ricerca dell'area TOTAL HARDWARE 99 2.0 (porting su DB della versione testuale) consente di inserire i parametri geometrici per eseguire una ricerca automatica.
BIOS chip swapping
Il metodo consiste nel rimuovere il chip del BIOS dalla motherboard non identificata e installarlo su una simile (ben nota e che abbiamo configurato correttamente) per provare il boot. Se il processo funziona otteniamo la BIOS String ID ed un'altra importante informazione: che il BIOS originale non è corrotto (magari in seguito ad un update fallito) e che quindi il mancato avvio potrebbe dipendere dalla configurazione errata o dall'hardware danneggiato. Vediamo ora come il BIOS chip swapping risulta utile in un caso reale.
Un caso reale
La motherboard da identificare è una Socket 5: non sono presenti sigle relative a costruttore o modello e sul PCB sono serigrafate informazioni parziali relative solo a clock multiplier e FSB. Non conosciamo lo stato del BIOS né le configurazioni di avvio. Dopo aver installato la RAM e un Pentium 75 (configurato con il jumper setting minimo sul PCB) proviamo il boot: fallisce e con una PC Diagnostic Card non rileviamo codici POST.
Osservando le componenti, dal marking SB82437FX66 (SZ999) deduciamo che il chipset è l'Intel 430FX TSC (noto anche come Triton I) ed il BIOS è un AWARD probabilmente 4.50G o 4.50PG. Dopo aver marcato il BIOS chip con un indicatore, proviamo quindi a rimuoverlo e ad installarlo su una motherboard simile: la LUCKY STAR P54CE REV:E1 che ha stesso chipset, Socket 7 compatibile con il Socket 5, AWARD BIOS 4.51PG ed effettua il boot con un Pentium 75.
L'emissione dei codici POST conferma subito che il boot avviene correttamente. La schermata di avvio presenta diverse informazioni: il BIOS è un AWARD BIOS 4.50G e la release è la 01/05/1996. Non è specificato il modello della motherboard (spesso indicato nel BIOS message). Anche l'accesso al BIOS non dà problemi e al reboot viene richiesto un disco valido per il caricamento del Sistema Operativo. Quindi un primo risultato è che il BIOS non risulta corrotto (ad esempio da update errati). Possiamo quindi analizzare la BIOS String ID per cercare di recuperare informazioni circa il costruttore e il modello della motherboard.
Analisi BIOS String ID
In generale nei BIOS AWARD la BIOS String ID è del tipo 09/22/97-i430TX-ALi5135-2A59ISE9C-00 ovvero costituita dalla concatenazione di <BIOS RELEASE DATE>-<CHIPSET NAME/ID>-<CHIPSET CODE>-<MANUFACTURER CODE>-<MODEL ID>-<MOTHERBOARD REVISION LEVEL>. La stringa 01/05/96-i430FX-2A59CF54C-00 ottenuta con il BIOS chip swapping contiene il chipset code 2A59C (Intel i430FX Triton) e il manufacturer code F5 corrispondente al costruttore Fugutech, probabilmente l'OEM della motherboard.
Identificazione della motherboard
Effettuando una ricerca in rete, la BIOS String ID risulta associata ai seguenti costruttori e modelli: Fugutech M507, PCChips M507 e Amptron PM7600 (Release 04/10/1997S). Sul sito russo BIOS Collection (Link) è presente la stessa versione del BIOS rilevata nella nostra analisi (il file può essere editato con l'utility modbin.exe per BIOS AWARD precedenti alla versione 6). Sui siti ELHVB (Link) e A.C.Comp. (Link) troviamo altre informazioni più dettagliate tra cui il manuale di jumper settings, immagini e altre versioni del BIOS. Su Total Hardware 1999 (Link) troviamo solo la versione associata al costruttore Amptron: tutti i modelli trovati differiscono da quello in esame solo per il chip del Real Time Clock (probabilmente rimosso in seguito dal costruttore a favore della batteria bottone CR2032 più versatile e sicura).
Riconfigurazione e boot test
Utilizzando il manuale riconfiguriamo correttamente tutti i jumper sulla M507, in particolare quelli relativi al voltaggio (la CPU è single-plane e non necessita del modulo VRM). Reinstalliamo quindi il BIOS chip originale, la CPU, la RAM e proviamo il boot: la scheda non si avvia e la PC Diagnostic Card non mostra i codici POST. I led IRDY# (Initiator Ready) e FRAME# (Cycle Frame) relativi al bus PCI che normalmente lampeggiano quando ricevono il corrispondente segnale, ora restano fissi. Quindi con la giusta configurazione e il BIOS non corrotto, si può ipotizzare che il mancato avvio sia dovuto a qualche altro tipo di problema hardware, legato al bus o alle componenti.
Conclusioni
Quando il boot non avviene e non sono presenti le informazioni serigrafate sul PCB relative a costruttore, modello e jumper settings l'identificazione di una motherboard può avvenire attraverso il BIOS chip swapping: il chip del BIOS viene rimosso dalla motherboard non identificata e installato su una simile (nota e configurata correttamente) per provare il boot. Se la scheda si avvia è possibile cercare di identificare la motherboard originale tramite le informazioni fornite dalla BIOS String ID.

Motherboard Identification: BIOS chip swapping © PC Rebuilding
Prima pubblicazione: 23 Aprile 2018, 16:40.34
Ultimo aggiornamento: 19 Maggio 2020, 00:09.06
Visualizzazioni attive: 292



Link correlati
Link veloci
Inserimenti negli ultimi 30 giorni
CPU
AMD Sempron 2500+ Thoroughbred SDA2500DUT3D Brown
Intel Celeron D 336 Prescott-256 2.8GHz SL8H9
Intel Pentium Dual-Core E2140 Allendale 1.6GHz SLA3J #08
Intel Pentium 4 531 Prescott 3GHz SL9CB #02
Intel Pentium Dual-Core E2140 Allendale 1.6GHz SLA3J #07
Intel Pentium Dual-Core E2140 Allendale 1.6GHz SLA3J #06
MOTHERBOARD
MSI P4M890M2 (MS-7255) VER:2.1 Pentium 4/D/Core 2 Duo #04
A-MAX LE-440A Pentium II
ASUS P5G4IT-M LX REV. 1.03 Pentium 4/D/Core 2 Duo/Dual Core
MSI P4M890M2 (MS-7255) VER:2.1 Pentium 4/D/Core 2 Duo #03
MSI P4M890M2 (MS-7255) VER:2.1 Pentium 4/D/Core 2 Duo #02
ASUS P5VDC-MX REV. 2.00G Pentium 4/D/Core 2 Duo
2nd LIFE
MSI P4M890M2 (MS-7255) - Intel Celeron D 336 2.8GHz
MSI P4M890M2 (MS-7255) - Intel Pentium Dual Core E2200 2.2GHz
MSI P4M890M2 (MS-7255) - Intel Pentium Dual Core E2180 2GHz
ASUS P5VDC-MX - Intel Pentium D 820 2.8GHz
COMPONENTS
Rack rimovibile per Hard Disk SATA - TermalTake Max 4
EXPANSION CARD
S3 VIRGE/DX On Board PCI
Advantech PC-LabCard PCL-744 ISA 16BIT
FLYTECH FT-8501101 (PC 8255 CARD) ISA 8BIT #02
U.S.Robotics Sportster ISDN TA ISA 16BIT
SECO CS309 ISA 16BIT
ATI Radeon 7000 AGP #03
STORAGE
Maxtor DiamondMax 10 6V160E0 SATA
HARDWARE MANUFACTURER
Advantech
SECO
BIOS STRING
63-0100-000001-00101111-011306-RS400-410M1000-Y2KC (ELITEGROUP RC410-M2)
04/09/2005-SiS-741-6A7I8FK9C-00 (FOXCONN WinFast K7S741M01C-GX-6L)
63-0709-009999-00101111-080406-P4M800 Pro-A0403709-Y2KC (ASUS P5VDC-MX)
Statistiche gruppi
22 [TECHNET]