Loading ...

Loading splash screen ...
Galleria
TECHNET
Pentium FDIV BUG
Pentium FIST BUG (Dan-0411) Intel Flag Erratum
CPU Identification
Motherboard Identification
Motherboard Identification: BIOS chip swapping
Applicazioni pratiche del BIOS chip swapping
Motherboard Identification: layout
CPU Speed e Clock Multiplier
BIOS Update
AWARD BIOS inside - CPU microcode
AMI BIOS inside - CPU microcode
Power-On Self-Test: PC Diagnostic Card
Socket 3 CPU voltage detection
Socket 3 clock multiplier detection (AMD Am5x86-P75 4x clock mode)
Turbo-Deturbo motherboard check
Socket 7 FSB / clock multiplier detection
AWARD BootBlock BIOS Recovery
Riprogrammazione BIOS: BIOS chip hot swapping
Compaq Deskpro 2000 BIOS F10: Computer SETUP/V and PC Diagnostics
Olivetti PCS 386 SX: disassemblaggio
Desktop Management Interface (DMI) e Custom MIFD
PC Windows 98: da standard Hard Disk a SSD Compact Flash
 
TECHNET: 22
Power-On Self-Test: PC Diagnostic Card
Una scheda diagnostica può fornire indicazioni se una certa motherboard, con hardware e configurazioni corretti, può essere in grado di eseguire il boot
Power-On Self-Test
Il Power-On Self-Test (POST) è la fase di autodiagnosi di un PC effettuata al boot quando viene premuto il pulsante Power on, oppure il pulsante reset oppure la combinazione di tasti CTRL+ALT+DEL (warm boot).
Il programma che esegue il POST risiede nella ROM del BIOS: vengono effettuati test funzionali sulla ROM stessa e su tutte le componenti hardware, compresi tastiera e scheda video. In caso di problemi il processo si arresta e una sequenza ben precisa di beep sonori (BIOS Beep Codes) può indicare la tipologia di errore riscontrato, anche in assenza di segnale video.
PC Diagnostic Card
Durante il boot il BIOS emette codici relativi ad ogni singolo step del POST (ad eccezione di alcuni rari BIOS) che possono essere intercettati e visualizzati in esadecimale sul display di una PC Diagnostic Card. La scheda normalmente ha un'interfaccia ISA-8BIT o PCI (o entrambe, alcuni BIOS inviano i segnali su una porta parallela), dei led per indicare lo stato dell'alimentazione e dei pulsanti per self-check e scorrimento up/down dei codici. In aggiunta potrebbe avere un display esterno e un buzzer collegabile allo speaker-out della motherboard. Modelli più evoluti hanno display LCD e porte USB.
I codici esadecimali letti sul display possono essere decodificati attraverso un manuale allegato, oppure cercati sul sito del costruttore del BIOS.
La precisione della scheda diagnostica non è assoluta: spesso il codice può indicare erroneamente un tipo di problema piuttosto che un altro. Tuttavia la vera potenza della scheda sta nel fornire indicazioni sul fatto che una certa motherboard, con hardware e configurazioni corretti, possa essere in grado di eseguire il boot.
Test delle componenti minime
Per funzionare correttamente la scheda diagnostica necessita di un set minimo di componenti e configurazioni hardware: se la motherboard non ha queste componenti o le configurazioni sono errate il BIOS non è in grado di eseguire il boot e sul display non verranno visualizzati codici (--). Il prerequisito principale è la presenza della ROM del BIOS.
Proviamo ora ad eseguire dei test funzionali con la scheda su una motherboard 486 considerando i seguenti elementi:
- presenza CPU
- configurazione corretta tipo CPU, voltaggio e clock
- presenza RAM, RAM cache e tag RAM cache
- presenza keyboard controller
- presenza motherboard chipset
- presenza batteria CMOS
- altre configurazioni jumper settings
Dalla motherboard di test rimuoviamo CPU, RAM, RAM cache e tag RAM cache; la batteria è stata rimossa in precedenza (per evitare perdite corrosive di acido), il keyboard controller e il chipset sono saldati per cui non è possibile rimuoverli.
Proviamo il boot: non vengono visualizzati codici sulla scheda diagnostica e il segnale video è assente quindi il primo risultato non banale è che la CPU è indispensabile per il processo di boot.
Installiamo ora una CPU supportata, un 486DX2-66 Overdrive: dal manuale della motherboard configuriamo i jumper secondo la tabella 1F (CPU Type: 486DX/DX2). Il boot avviene correttamente e l'ultimo codice emesso C1 (Memory presence test. OEM specific-test to size on-board memory. Bad SIMM. per il BIOS AWARD) indica l'assenza della memoria RAM. Da notare che anche se il segnale video è ancora assente, abbiamo informazioni sulla possibilità della motherboard di poter effettuare il boot.
Proviamo a forzare un errore di configurazione della CPU: sempre dalla tabella 1F del manuale, rimuoviamo il jumper dalla posizione JP16 e installiamolo sulla posizione JP17 e riproviamo il boot. La CPU è presente ma nessun codice viene visualizzato sul display.
Si ottiene lo stesso risultato ad esempio modificando il valore del clock a 40MHz (rimuovendo il jumper JP31) dato che la CPU di esempio opera a 33MHz. Quindi oltre ad essere presente, la CPU deve avere la configurazione corretta per voltaggio e clock.
Ripristiniamo correttamente il jumper JP16, installiamo la RAM e verifichiamo che il processo POST a questo punto si interrompe con il codice 4E (If there is any error, show all the error messages on the screen & wait for user to press <F1> per il BIOS AWARD): il segnale video è presente e c'è la richiesta "Press F1 to continue, DEL to enter SETUP".
Forziamo ora altri errori di configurazione: rimuovendo ad esempio il jumper JP34 (CPU clock delay) la situazione è analoga a quella riscontrata in assenza di CPU, sulla scheda non vengono visualizzati codici e il segnale video è assente. Lo stesso effetto si potrebbe avere rimuovendo i jumper factory configured.
Da altri test effettuati su un'altra motherboard 486, rimuovendo il keyboard controller non vengono emessi codici sul display; l'inizializzazione del chip è uno dei primi test del BIOS, codice 0A (Detect type of keyboard controller per il BIOS AWARD) ma se il chip è assente il POST si interrompe senza alcun codice di errore.
Da notare che batteria e RAM cache non sono componenti essenziali affinché il boot avvenga correttamente.
Nella tabella seguente il riepilogo dei test, in evidenza le componenti minime testate per il boot:

COMPONENTS STATUS VERIFIED EXAMPLE
BIOS ROM Required ! AWARD ISA/PCI 486
Supported CPU Required ! 486DX2-66 Overdrive
Jumper settings CPU type and power voltage Required ! 1F Table
Jumper settings CPU clock Required !JP30,JP31,JP32
Keyboard controller Required ? Winbond W83C42
Other jumper settings Required ? JP34,factory configured
Power supply Required ! PSU P8-P9
CMOS battery NOT Required 3,6 Volt Varta
Motheboard chipset NOT Required ? SiS 85C496
RAM cache + TAGNOT Required EtronTech + ISSI 15ns
RAM memory NOT Required 72 pin SIMM 60ns

Il simbolo '?' indica che la condizione potrebbe non essere stata verificata (ad esempio per il chipset non rimuovibile) oppure non presente (ad esempio per altre configurazioni jumper settings non trovate).
Conclusioni
La scheda diagnostica è utile per verificare se una motherboard può essere in grado di effettuare il boot. Se hardware e configurazioni minime sono corretti ma non vengono visualizzati codici il problema potrebbe essere dovuto a:
- la ROM del BIOS è danneggiata
- la CPU è danneggiata, oppure il voltaggio o il clock sono errati
- mancano dei jumper (relativi ad esempio al CPU clock delay o quelli factory configured) oppure sono configurati in modo errato
- il keyboard controller è stato rimosso
Una considerazione importante riguarda la motherboard di test: il modello è noto ed è disponibile il manuale di configurazione. In assenza di queste informazioni è praticamente impossibile stabilire quali jumper sono configurati in modo errato: la motherboard non è identificabile e il boot non avviene per mancanza delle informazioni di configurazione (loop).
Se sulla motherboard sono serigrafati i jumper settings per tipo CPU, voltaggio e clock, si può provare una strategia euristica per cercare di ripristinare i jumper mancanti che non consentono il boot: la scheda diagnostica fornisce indicazioni importanti sul POST prima ancora di arrivare ad avere un segnale video (e quindi delle informazioni leggibili).
Power-On Self-Test: PC Diagnostic Card © PC Rebuilding
Prima pubblicazione: 19 Agosto 2015, 10:08.22
Ultimo aggiornamento: 8 Giugno 2017, 15:14.30
Visualizzazioni attive: 700



Link correlati
Link veloci
Inserimenti negli ultimi 30 giorni
CPU
AMD Sempron 2500+ Thoroughbred SDA2500DUT3D Brown
Intel Celeron D 336 Prescott-256 2.8GHz SL8H9
Intel Pentium Dual-Core E2140 Allendale 1.6GHz SLA3J #08
Intel Pentium 4 531 Prescott 3GHz SL9CB #02
Intel Pentium Dual-Core E2140 Allendale 1.6GHz SLA3J #07
Intel Pentium Dual-Core E2140 Allendale 1.6GHz SLA3J #06
MOTHERBOARD
MSI P4M890M2 (MS-7255) VER:2.1 Pentium 4/D/Core 2 Duo #04
A-MAX LE-440A Pentium II
ASUS P5G4IT-M LX REV. 1.03 Pentium 4/D/Core 2 Duo/Dual Core
MSI P4M890M2 (MS-7255) VER:2.1 Pentium 4/D/Core 2 Duo #03
MSI P4M890M2 (MS-7255) VER:2.1 Pentium 4/D/Core 2 Duo #02
ASUS P5VDC-MX REV. 2.00G Pentium 4/D/Core 2 Duo
2nd LIFE
MSI P4M890M2 (MS-7255) - Intel Celeron D 336 2.8GHz
MSI P4M890M2 (MS-7255) - Intel Pentium Dual Core E2200 2.2GHz
MSI P4M890M2 (MS-7255) - Intel Pentium Dual Core E2180 2GHz
ASUS P5VDC-MX - Intel Pentium D 820 2.8GHz
COMPONENTS
Rack rimovibile per Hard Disk SATA - TermalTake Max 4
EXPANSION CARD
S3 VIRGE/DX On Board PCI
Advantech PC-LabCard PCL-744 ISA 16BIT
FLYTECH FT-8501101 (PC 8255 CARD) ISA 8BIT #02
U.S.Robotics Sportster ISDN TA ISA 16BIT
SECO CS309 ISA 16BIT
ATI Radeon 7000 AGP #03
STORAGE
Maxtor DiamondMax 10 6V160E0 SATA
HARDWARE MANUFACTURER
Advantech
SECO
BIOS STRING
63-0100-000001-00101111-011306-RS400-410M1000-Y2KC (ELITEGROUP RC410-M2)
04/09/2005-SiS-741-6A7I8FK9C-00 (FOXCONN WinFast K7S741M01C-GX-6L)
63-0709-009999-00101111-080406-P4M800 Pro-A0403709-Y2KC (ASUS P5VDC-MX)
Statistiche gruppi
22 [TECHNET]
Rebuilding Olivetti M6 Suprema
Ripristino passo a passo dell'Olivetti M6-460